Andrea Sessa “EX” presunto pedofilo

     Andrea Sessa, l’editore e “giornalista(?)” dell’emittente televisiva RTA Teleantenna imputato per abusi sessuali su un minore, ha ritenuto doveroso informarci che il procedimento a suo carico (per pedofilia) si è risolto con una sentenza di assoluzione, non per non aver commesso il reato, ma perché il fatto non sussiste.
     Il “giornalista(?)”, tanto caro ai cacciapoltrone iperpresenzialisti isontini ammaliati dal brilluccichio dell’obiettivo delle telecamere, dopo essere stato arrestato il 2 luglio del 2015 in seguito alle accuse rivoltegli da un suo tirocinante quindicenne – il Sessa ha trascorso anche un periodo agli arresti domiciliari – aveva accettato le imputazioni ed aveva fatto richiesta di essere processato con il rito abbreviato; formula che offre la possibilità di usufruire di sconti di pena nell’eventualità di una condanna.
     Come riportato da Trieste Oggi (leggi l’articolo) fondamentale è stata anche la decisione dell’accusatore – oggi maggiorenne – di non confermare le sue dichiarazioni in aula.
     IL MEDIO, si augura che questa vomitevole vicenda si sia conclusa con la verità e non perché l’ennesimo squallido pedofilo abbia potuto contare sul comprensibile desiderio di un ragazzino sofferente e traumatizzato, di volersi lasciare alle spalle un passato troppo doloroso.
    Ad Andrea Sessa vanno obbligatoriamente le nostre congratulazioni per l’ottimo risultato ottenuto tra le mura del tribunale e gli auguriamo di non trovarsi più nella situazione di rischiare accuse così infamanti.

 

 

Condividi

1 thought on “Andrea Sessa “EX” presunto pedofilo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *