Io… leccaculo? Dipende sempre dal culo.

Come mai la vostra satira è sempre in un senso???

     Me lo chiede Lucianino (il cognome ve lo risparmio… che è meglio), con un commento a piedi di un articolo sul nostro blog, prima di accusarmi di essere un leccaculo del Pezzogrosso, prima di accostarmi ad un “blogger” goriziano – che Lucianino bello definisce “lavoratore da sempre” – prima di insinuare che io sia prezzolato.
     

È risaputo che il lungo viaggio verso il “Paese delle Meraviglie” è un percorso che lascia sulla sua strada una lunga scia di vittime, i neuroni, e rende quasi impossibile la percezione delle sinapsi ma, in una vita trascorsa nel “Mondo dei Sogni”, ci si aspetta, quantomeno, che uno impari a leggere.
     Dalla nascita de “IL GRANDE” (1 aprile 2016) ci siamo scagliati contro Romoli, abbiamo sbeffeggiato Del Sordi, sputtanato Ceretta, attaccato la Bellan, “aggredito” la Romano, preso di mira Sartori, deriso Pettarin e per tutta la campagna elettorale abbiamo “massacrato” Ziberna ed i suo pupillo – l’inutile Santeparole – senza dimenticarci di “riservare le nostre particolari attenzioni” all’amico Portelli, Maraz, Cosma, Gruden, Gentile, Gherghetta, Gironcoli, Collini, la povera Mara Cernic – che ad un certo punto era convinta che la odiassi – per non parlare del “portinaio parafascista dalla lucente pelata e l’analfabetismo galoppante”. Dopo le elezioni abbiamo contato ogni pelo nel culo di quest’amministrazione senza risparmiare nessuno; la assessoressa Bernobich, nonostante la forte amicizia e l’affetto che ci “Lega”, è diventata un bersaglio quasi costante della nostra satira.
     Se c’è qualcuno, invece, che abbiamo sempre graziato – quando non abbiamo addirittura elogiato – sono proprio quegli esponenti di estrema sinistra che facevano la ola celebrando la nostra onestà intellettuale quando ci scagliavamo contro l’odiato avversario ma che oggi ci disprezzano perché ci siamo occupati DUE VOLTE, di UNA delle tante merdate che hanno fatto subire ad un’intera comunità.
     Aver imparato a leggere sarebbe stato utile anche a capire le righe in cui abbiamo scritto chiaramente che tutto questo LO ABBIAMO FATTO SEMPRE AGGRATIS!!!
      Perché io accetto tutto ma insinuazioni così squallide fanno davvero girare le balle, soprattutto quando arrivano da chi, per buona parte della sua vita, ha usufruito delle tasse che IO ho pagato per buona parte della mia, per finanziare i suoi “viaggi introspettivi” ed ora si riscopre salvatore del mondo, araldo di rettitudine pur disponendo della coerenza di un gerbillo.
      Oltretutto il rispetto del lavoro degli altri è un valore che ritengo assoluto; il Pezzogrosso ha un solo, unico, vero leccaculo ufficiale ed io non sono un usurpatore… e comunque dipende sempre dal culo

Condividi

4 thoughts on “Io… leccaculo? Dipende sempre dal culo.

  1. se clicchi sul commento si capisce che “Lucianino” è nient’altro che Luciano Capaldo 😁 … o meglio “un nome legato alle manifestazioni contro i Cpt di qualche anno fa, Luciano Capaldo” 😁😂http://messaggeroveneto.gelocal.it/…/festa-per-il-forum…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *