Inaugurata la “Fontana del Nettuno”; accontentata, in parte, anche l’estrema sinistra.

     Inaugurata in pompa magna, con tanto di discorso microfonato del Pezzogrosso e della “Regina di Coppe” Arianna Bèllan, la Fontana del Nettuno progettata dall’architetto austriaco Nikolaus Franz Leonhard von Pacassi e realizzata nel 1756 dallo scultore padovano Marco Chiereghin. Presenti all’evento anche molti assessori; sia quelli utili che quelli platealmente inutili ma che i fa tante foto col telefonin.
     Delusione dei profughisti quando hanno appreso che, la fontana, sarà dotata di un sistema di spegnimento automatico che si attiverà a temperature prossime allo zero bloccando il flusso dell’acqua per evitare danni dovuti al ghiacciamento delle tubature e che priverà loro della possibilità di accusare lo sceriffo Ziberna di aver tolto l’acqua per far dispetto ai profughi.
     Accontentati, comunque, in parte, i Picco…natori forumiani e bombaroli vari; al Nettuno, infatti, non è stata restituita la mano destra per andare incontro alla loro sensibilità antifascista e metterli al riparo della orripilante vista di una mano destra alzata.
     Voci di corridoio, comunque, insinuano che il Forum Gorizia starebbe per organizzare una manifestazione per rivendicare il loro diritto di pretendere l’asportazione delle braccia destre di tutte le statue – per ora solo delle statue – presenti in città

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *