Pronte le barricate anti Oretolo

     <<Non credo ci sia spazio per lui e per me, e se dovessero mai accettarlo in Forza Italia, sto un secondo a farmi arruolare dal Movimento della Passera Calva>> reagisce così Fabio Gentile alle voci che vorrebbero l’ex consiglier Oretolo in procinto di infiltrarsi tra le fila berlusconiane di Gorizia << e comunque dovrebbe passare sul cadavere di molti, Hassek e Roldo in primis>>
     Si fa sempre più difficile il compito dello Sceriffo Ziberna di salvare il culo al piccoletto con farfallino e riportino; dopo avergli regalato un assessorato, per il quale non ha nessuna competenza, che ha suscitato non pochi malumori tra tutti gli sfankulati della maggioranza, ora il Pezzogrosso si trova nella scomoda posizione di dover giustificare il poltronamento del sottufficiale ipocentimetrico rappresentato da una lista che, uscendo dalle ultime politiche vergognosamente ridimensionata (alle amministrative del 2017, Autonomia Responsabile aveva raccolto 832 preferenze mentre alle politiche dello scorso 4 marzo, a Gorizia, il “MISMAS” di liste che fanno capo allo stesso Renzo Tondo sono state umiliate con un inutile risultato di 179 preferenze N.d.R.) mette in discussione il suo peso all’interno della macchina amministrativa.
     La prospettiva che Renzo Tondo tornasse a far danni in Regione era, per il Sindaco, un’occasione per far quadrare il cerchio; nessuno avrebbe rotto le balle se un inutile rimaneva ancorato alla sua sedia se a parargli il culo è, nientepopòdimeno che lo stesso presidente della regione. Qualcuno insinuava addirittura che, al nanetto con la passione per il photoshop, si fossero potute aprire le porte dei palazzi triestini lasciando così via libera all’assessoramento della sua amichetta OroPALLA; operatrice socio sanitaria con un ego che fa gravità e mire da padrona del mondo.
     Ecco che una soluzione potrebbe essere integrare l’ex consigliere Fabrizio Santeparole Oreti tra le fila del partito maggiormente rappresentato in consiglio.
     Voci di corridoio sussurrano e bisbigliano sulla possibilità che Silvana Romano abbia le palle troppo piene per continuare e che sia in procinto di mandare tutti a fare… la spesa (siamo troppo educati per scrivere a fare in culo) lasciando così la strada libera all’ingresso dell’autonomo responsabile, che potrebbe diventare il secondo assessore di Forza Italia – assieme a Dario Obizzi – e alla sua “amichetta” di prendere il posto della badante di Romoli nel rispetto delle quote rosa.
     Certo, il Pezzogrosso incontrerebbe non poche difficoltà; oltre al capogruppo in consiglio comunale Fabio Gentile il quale, come abbiamo già detto, è pronto ad emigrare in partiti più divertenti, il tentativo di Ziberna di assorbire il militare part time, troverebbe le barricate, in primis, di Hassek, deciso a trasferirsi in pianta PIÙ stabile in Tirolo, di Roldo, di Serenella Ferrari, che ha già acquistato una croce sulla quale inchiodare Oretolo, ma pare che, anche fuori dal gruppo consiliare, siano davvero in pochi a vedere di buon occhio la costrizione di dover respirare la stessa aria del paraculato tondiano.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *